Sorelle d’Italia, con calzini TURCHESE, please.

Oggi prendo spunto da 2 notizie curiosamente correlate, ma intanto prendo una posizione: ANCHE IO SONO MESIANO. Torniamo al titolo del post. Tanto scandalo ha suscitato l’inno d’Italia utilizzato in uno spot di una nota marca di calze. Leggo le dichiarazioni di La Russa su adnkronos: http://www.adnkronos.com/IGN/News/Politica/Linno-di-Mameli-diventa-Sorelle-dItalia-in-uno-spot-E-scoppia-il-caso_3872922254.html (…) “Oggi piu’ che mai e’ necessario ritrovare l’orgoglio e il rispetto dell’essere … Continua a leggere

Una volta giocavamo in strada

    Nuove ricerche stabiliscono che i bambini già dai 7 anni possiedono un telefonino. I genitori si sentono più tranquilli. Sanno così di avere una possibilità in più di rintracciarli all’occorrenza e i bambini hanno uno strumento per chiedere eventualmente aiuto. Capisco. Non mi piace l’idea del cellulare ai bambini, ma capisco le paure dei genitori, anche se mi … Continua a leggere

Vivere al di sopra della legge

(…) lui è uno che le cose le fa (…) (…) lui sì che mette in riga i fannulloni di questo paese (ovviamente di sinistra) (…) (…) lui non ha bisogno di soldi (…) lui fa le cose come vanno fatte (…) (…) è l’unico che cambia qualcosa (…)                     Il nostro paese a partire dalla D.C. al governo e le … Continua a leggere

La legge NON è uguale per tutti

Per ora tralasciamo l’evidenza che di fronte alla legge c’è sempre qualcuno che è più o meno uguale di altri, non approfondiamo il fatto che quasi sempre i comuni mortali siano costretti a rinunciare di far valere le proprie ragioni perché “è più la spesa che l’impresa”… OGGI la Corte Costituzionale si pronuncia sul famigerato Lodo Alfano. Vi invito a … Continua a leggere