Indignata non rende l’idea

Indignata più che mai ovviamente vado alla manifestazione degli indignados sabato 15 ottobre a Roma. Il copione è già scritto, nessuno stupore per ciò che è accaduto. Quando lo affermo mi guardano male dicendo che non si può giustificare una simile violenza, come se parlarne significhi giustificarla. E’ evidente che siamo alla frutta, decenni di corruzione e malaffari hanno cominciato … Continua a leggere

RISCHIO CONTAGIO

Quando prendevo il trenino Laziali-Pantano per andare al lavoro, quasi tutte le mattine salivo sullo stesso vagone dove già sedevano dei fratellini cinesi. Erano soli, e il più grande aveva la responsabilità dei più piccoli. E’ passato del tempo, credo che il più grande non potesse avere più di 8-9 anni, erano in 3 ed il più piccolo, o forse … Continua a leggere

compagni di vita

Il 9 luglio la nostra piccola grande Kioko se ne è andata. Se è vero che scrivere, condividere un dolore può aiutare a far stare meglio, è altrettanto vero che un dolore forte e profondamente sentito a volte si ha il bisogno di tenerselo stretto stretto, privato, perché non si trovano le parole, ed anche quelle che vorrebbero uscire rimangono … Continua a leggere

La crisi a qualcuno serve

Quanti bei titoli CATASTROFICI !!!! E’ crisi, crollano i mercati, crolla tutto !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Ma di quali mercati parlano? Quale economia crolla? Quella che non esiste, quella fumosa, quella che non produce, che vede solo flussi di denaro che non si sa bene dove vadano a finire……………. L’economia si dovrebbe basare sulla produzione di beni e servizi di cui c’è necessità, … Continua a leggere

La vita

Scrivo e cancello, scrivo e cancello…. Non so neanche perché scrivo…. Probabilmente un estremo tentativo di liberare un po’ la testa…. Troppi pensieri, sono in un vortice. Non capisco la vita. Di default dò sempre una spiegazione a tutto, mi insinuo nelle pieghe di tutte le possibili variabili, colgo tutte le sfumature, cerco sempre il meglio in ogni cosa…. Su … Continua a leggere

UN PAESE ORRENDO

C’era una volta un bel paese…. Abbiamo ora un paese orrendo: l’Italia. In realtà non sono poi così sicura che il bel paese ci sia mai stato, eppure leggo di un tempo in cui i politici vivevano il loro ruolo con emozione e rispetto….. Ora abbiamo una popolazione che si indigna, una bella fetta di questa popolazione che scende in … Continua a leggere

E c’è troppo da dire… niente da capire

Troppo da dire, troppo da urlare, e alla fine, l’impossibilità di capire…… Non basta la vita frenetica, il lavoro, la casa, le necessità familiari, assolutamente no, perché per non farci schiacciare, per dare uno spiraglio di futuro ai nostri figli, ci troviamo a protestare, a presidiare, a correre, a manifestare, ad esigere nel nostro piccolo, un determinato stile di vita……. … Continua a leggere

Noi c’eravamo, ed eravamo veramente tanti

Eravamo davvero tanti e noi non potevamo non esserci, è sotto attacco la Democrazia, l’Uguaglianza, i Servizi di base, il Futuro dei nostri figli. Queto pseudo governo si fa gioco della nostra Costituzione, vuole usare la Giustizia per sottrarsene, ci fa pagare le tasse per pagarsi i festini orgiastici e ci priva di tutto, dall’istruzione, alla sanità, alla ricerca: le … Continua a leggere

Più potere al Berlunano !!!!

Io credo che il Berlunano abbia meno del potere che merita. Io ritengo che l’Italia debba andare oltre il federalismo. Io penso che una parte di italioti debbano costituire uno stato a sé, governato dal Berlunano e dalla sua cricca. L’Italia va divisa. Per me è ovvio che l’attuale sistema sia A-S-S-U-R-D-O-, dò quasi per scontato di scrivere ovvietà, cose … Continua a leggere